Image Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt TextImage Alt Text
0
0
0
0 %

News recenti

cnews314.png
C-News del 2 dicembre 2021
Il giornale di Confindustria - Giovedì 2 Dicembre 2021
CFnov21.PNG
CSC: Congiuntura Flash Novembre 2021
Nel 2021 è forte il rimbalzo del PIL italiano, nonostante la frenata a fine anno causata da scarsità di materiali e nuovi contagi. Il 2021 potrebbe chiudersi con un PIL al +6,3/6,4%, L’industria rallenta ma è in crescita, i servizi restano in recupero pur con qualche ombra, gli occupati sono in risalita. I consumi privati trainano il rimbalzo, gli investimenti crescono ancora, mentre frena l’export italiano di beni. Il caro-energia penalizza imprese e famiglie italiane, l’Eurozona mostra qualche difficoltà, mentre gli USA accelerano a fine anno. Ulteriori informazioni
ISTAT64.png
PREZZI ALLA PRODUZIONE DELL’INDUSTRIA, DELLE COSTRUZIONI E DEI SERVIZI - OTTOBRE 2021
A ottobre 2021 i prezzi alla produzione dell’industria aumentano del 7,1% su base mensile e del 20,4% su base annua. Sul mercato interno i prezzi aumentano del 9,4% rispetto a settembre e del 25,3% su base annua. Al netto del comparto energetico, la crescita dei prezzi si riduce a +0,5% in termini congiunturali e a +8,2% in termini tendenziali. Sul mercato estero i prezzi aumentano su base mensile dello 0,8% in entrambe le aree, euro e non euro, e registrano un incremento su base annua dell’8,3% (+8,9% area euro, +7,8% area non euro). Nel trimestre agosto-ottobre 2021, rispetto ai tre mesi precedenti, i prezzi alla produzione dell’industria crescono del 6,5%, con una dinamica decisamente più sostenuta sul mercato interno (+7,9%) rispetto a quello estero (+2,5%). A ottobre 2021 si rilevano aumenti tendenziali diffusi a quasi tutti i settori del comparto manifatturiero; i più marcati riguardano coke e prodotti petroliferi raffinati (+47,9% mercato interno, +10,2% area euro,+71,0% area non euro) e metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+21,9% mercato interno, +34,3% area euro, +25,3% area non euro). Le uniche flessioni interessano prodotti farmaceutici ...
GU42.png
Decreto Legge Super green pass
DECRETO-LEGGE 26 novembre 2021, n. 172  Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali.  (GU Serie Generale n.282 del 26-11-2021)  Entrata in vigore del provvedimento: 27/11/2021
presidenza consiglio10.png
Esito Consiglio dei Ministri n. 48, 24.11.2021: approvato DL Super Green pass
Approvato in CdM il DL Super Green pass, valido solo per vaccinati o guariti, che servirà per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla (come ristorazione al chiuso ed eventi sportivi). In zona arancione, potranno accedere alle attività solo i detentori di Super Green pass. Previsto, inoltre, che dal 6/12 e fino al 15/1/22 il Super Green pass sia necessario anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla. Svolta a margine conferenza stampa del Presidente Draghi con i Ministri Speranza e Gelmini. Sottolineato che le cause del caro materiali sono esterne e di natura globale, e prevista la possibilità di nuovi finanziamenti per contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia. A seguito del Consiglio dei Ministri, si è svolta una conferenza stampa del Presidente Draghi, con i Ministri Speranza e Gelmini, in cui sono state illustrate le nuove restrizioni e misure adottate, e di cui si tramette in allegato un riepilogo. Nella conferenza stampa, il Presidente Draghi ha sottolineato che le cause del caro materiali sono esterne ...
GU41.png
Opere pubbliche: pubblicato in GU il decreto sull'aumento del costo dei principali materiali da costruzione
Pubblicato sulla GU Serie Generale n.279 del 23-11-2021 il DECRETO 11 novembre 2021 del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili che rileva l’aumento dei prezzi dei principali materiali da costruzione registrato nel primo semestre del 2021 rispetto alla media dei prezzi del 2020. Le variazioni, elaborate dai competenti uffici del Mims, contenute nella tabella allegata, sono state approvate a maggioranza dalla ‘Commissione consultiva centrale per il rilevamento del costo dei materiali da costruzione’ composta da rappresentanti del Ministero, delle stazioni appaltanti e degli operatori di settore. Sulla base di questo decreto, gli operatori economici titolari di contratti pubblici potranno chiedere alle stazioni appaltanti la compensazione per i maggiori costi sostenuti a seguito degli aumenti, indicando la quantità dei materiali impiegati.  Le stazioni appaltanti dovranno provvedere al pagamento dei relativi oneri e qualora dovessero dichiarare di non disporre delle risorse sufficienti potranno usufruire dell’apposito Fondo costituito presso il Mims con una dotazione di 100 milioni di euro.
cnews313.png
C-News del 23 novembre 2021
Il giornale di Confindustria - Martedì 23 Novembre 2021
gme19.jpg
Newsletter del GME - Ottobre 2021
 Newsletter del GME | Numero 153 | novembre 21 
cnews312.png
C-News del 18 novembre 2021
Il giornale di Confindustria - Giovedì 18 Novembre 2021
Altre news »

Video recenti

Si può fare a meno del cemento e del calcestruzzo? Intervista a Tullia Iori

MARZO 26, 2019

Le costruzioni vero motore della ripresa economica. Intervista a Roberto Callieri

MARZO 26, 2019

blog federbeton

News dalle associazioni

AITEC
Cementing Europe's Future: Action Through Policy
12 ottobre 2021 - Cementing Europe's Future: Action Through Policy - L'evento si terrà al Sofitel Brussels Europe e sarà trasmesso in live streaming. Per registrarsi, fare clic qui .   Ulteriori informazioni